Covid-19, in Gazzetta ufficiale il Decreto legge per contrastare il contagio durante le

feste

 

 

DIALOGO CON LA MINISTRA BONETTI – LAVORO E FORMAZIONE

MANAGER DI FAMIGLIA -  NASCE “ORGOGLIO DI DONNA”

CON UN INNOVATIVO FONDO OPPORTUNITA’ 

Importante dialogo tra la ministra Bonetti e la Associazione Donneuropee Federcasalinghe, come delegazione regionale ci affidiamo alla concretezza dei prossimi  interventi del Governo

dice  MARCELLA MORBIDUCCI  PRESIDENTE REGIONALE TOSCANA

 

Roma, 29 luglio 2020 – “ieri, con tutte le delegate regionali della nostra associazione, abbiamo incontrato on line la Ministra Bonetti, che ha ribadito l’attenzione del Governo nel riconoscere il valore del lavoro delle donne, stanziare risorse per la  loro formazione continua, sostenere quelle mamme che vogliano rientrare nel mondo del lavoro e creare un Fondo Opportunità in modo da supportare le donne casalinghe che sono lavoratrici di fatto, manager delle famiglie senza le quali la nostra Italia in crisi non potrà facilmente rialzarsi,” dice l’on. Federica Rossi Gasparrini, Presidente Associazione Obiettivo Famiglia Donneuropee Federcasalinghe.

La ministra Bonetti ha evidenziato le azioni del Governo al fianco delle donne, a partire dal Family Act e le proposte della task force "Donne per un nuovo Rinascimento”.

ORGOGLIO DONNA è un progetto nazionale della principale associazione territoriale delle donne casalinghe per scelta o per necessità. “Nasce dalla consapevolezza che il ruolo delle donne necessita una valorizzazione soprattutto ora,” spiega l’on. Federica Rossi Gasparrini, Presidente Associazione Obiettivo Famiglia Donneuropee Federcasalinghe,” Si è visto, infatti, nel periodo del lockdown, quanto importante sia la capacità delle donne di famiglia per il welfare nazionale, nella mediazione, nello spirito di sacrificio, nel lavoro in casa e fuori casa, nella cura di figli, nipoti e anziani” sottolinea Gasparrini,” Ringraziamo la Ministra per avere condiviso questo percorso con noi. La situazione delle donne è molto cambiata. Il nostro progetto ‘Orgoglio Donna’ intende essere al fianco delle donne, della loro indipendenza economica che è fondamentale anche per evitare problemi di violenza in famiglia e per il benessere di tutti. Le donne casalinghe sono già lavoratrici e sono numerose in tutta Italia. Con il Fondo Opportunità, che abbiamo proposto alla Ministra e che trova riscontro nel Family Act, prevediamo fondi per consentire alle donne di fare corsi di aggiornamento per poter rientrare nel mondo del lavoro dopo la maternità.  Le donne possono fare molto per l’Italia che cresce, possono essere la forza della cittadinanza digitale e non solo. Le donne casalinghe oggi sono persone preparate e multitasking, necessitano supporto. Non possiamo accettare più un ruolo subalterno o constatare che tante donne perdono il lavoro proprio per il fatto di essere diventate mamme. La nostra Associazione da sempre ha creato opportunità per le donne, si è battuta ed ha ottenuto l’assicurazione Inail per le donne lavoratrici in casa e proseguiremo a realizzare progetti nelle nostre sedi territoriali in tutte le Regioni italiane a favore delle aspirazioni delle donne che sono il fulcro delle famiglie e della società italiana”.

 

Ufficio stampa Donneuropee Federcasalinghe-Obiettivo Famiglia - Tel 3389282504

 email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.sito Internet www.donne.it - OBIETTIVO FAMIGLIA / FEDERCASALINGHE

email segreteria:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Dall'Istituto Superiore di Sanità i 10 consigli per coloro che assistono gli anziani durante questa emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus

Cosa deve fare un paziente colpito da Covid-19 una volta dichiarato guarito?

I pazienti che hanno superato Covid-19 sono guariti a tutti gli effetti. Diversi studi hanno però evidenziato che, in alcuni casi, la capacità di eliminare il virus persiste anche dopo l'esecuzione dei due tamponi. Secondo Chironna, «in questi casi è abbastanza normale che ci sia una fase di oscillazione fra negatività e positività», aspetto che può dipendere anche dalle modalità di esecuzione dei tamponi. Per questo motivo in Italia, a titolo precauzionale e come ulteriore tutela per la collettività, alle persone reduci da Covid-19 viene indicato di rispettare un ulteriore isolamento (7-14 giorni). Durante questa fase, al paziente è richiesto di comportarsi come se fosse ancora sintomatico. Questo periodo può essere trascorso nel proprio domicilio (se si vive da soli o si è comunque nelle condizioni di isolarsi dai familiari) o in una delle strutture che i Comuni e le Asl stanno cercando per ridurre il rischio di contagi all'interno di uno stesso appartamento.